Home > Recensioni > Jean Michel Jarre: Electronica II
  • Jean Michel Jarre: Electronica II

    Columbia Records / none

    Data di uscita: 06-05-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Pochi i secondi necessari per capire che la musica di Jean Michel Jarre spalanca le porte ad un universo stupefacente. Il disco si apre con il battito primordiale, il beat di The Heart of Noise, cuore pulsante di un universo definito materialmente solo dal supporto fisico che contiene le 18 tracce. Il disco è uscito il 6 maggio 2016 per Columbia Records.

Ogni brano è un viaggio verso un nuovo immaginario, mondi creati dalla maestria di uno dei più celebri compositori di musica elettronica del globo.  Il primo album di Jarre è datato ormai 1974, unanimamente riconosciuto come l’antesignano di molti filoni della musica elettronica, ha licenziato ora Electronica II, e come in Electronica I, le collaborazioni sono celeberrime. Da Cyndi Lauper ai Pet Shop Boys, passando per Peaches, Jeff Mills, The Orb, Zimmer fino ad Edward Snowden – l’ex collaboratore della CIA – che fece scoppiare il caso Wikileaks rivelando i segreti inenarrabili dei governi di mezzo mondo.

Album che è molto più di una boccata di ossigeno, un volo pindarico che sollecita le nostre corde sensibili e intreccia contaminazioni con molti generi. Jarre ha dichiarato di averlo dedicato al futurista Luigi Russolo, che nel 1913 già profetizzava l’uso di strumenti musicali capaci di riprodurre suoni e rumori campionati ampliando enormemente le possibilità di composizione.

Un album che è un vero e proprio compendio di storia, dai primi synth agli ultimi compressori usati con altissima maestria per cesellare un mondo di atmosfere suggestive. Non bastano queste pochissime righe per raccontare a pieno le sollecitazioni emotive che ne scaturiscono, ma sicuro avrà un posto di riguardo nelle teche di ogni intenditore. Pronti ad immerge cuore e cervello nel futuro dell’elettronica?

 

di Antonio Masiello

Pro

Contro

Scroll To Top