Home > Recensioni > Jelonek: Jelonek
  • Jelonek: Jelonek

    Jelonek

    Data di uscita: 08-02-2010

    Loudvision:
    Lettori:

Rondò Polacco

Forse il futuro del metal tradizionale sta nelle commistioni.
I Jelonek sono l’immagine di quella Polonia fervida di idee, capace di sperimentare e inventare senza paura.
La band ha mischiato cultura folk, musica classica e sinfonica, generando una sorta di Rondò Veneziano con strumenti elettronici e distorti.

Le composizioni, integralmente strumentali (dove, gran parte dello spazio viene riservato ad un violino elettronico), sono rappresentative di stati d’animo o di semplici elementi naturalistici. L’ascoltatore viene calato in un teatro di balletti Tschaikowskyani, preda delle immagini visionare della band.

Quattordici storielle, una sorta di cortometraggi della Pixar, con un’intrinseca musicalità, originale e catturante. Un plauso al coraggio, alla capacità di discostarsi dai soliti cliché. Sorprendente anche la caratterizzazione data a ciascun brano. Speriamo che la band non si fermi quì.

Pro

Contro

Scroll To Top