Home > Recensioni > Jia Zhangke, un ragazzo di Fenyang
  • Jia Zhangke, un ragazzo di Fenyang

    Diretto da Walter Salles, Daniela Thomas

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Jia Zhangke, un ragazzo di Fenyang” è un documentario diretto da Walter Walles sul regista cinese Jia Zhangke noto soprattutto per aver diretto “The World e  “Still Life, vincitore nel 2006 del Leone d’oro alla Mostra di Venezia. Walter Salles è sceneggiatore, produttore, e soprattutto regista tra gli altri di “Dark Water” e “Central do Brasil”, vincitore quest’ultimo dell’Orso d’Oro a Berlino e candidato agli Oscar.

Il film è stato presentato al Festival Internazionale del Film di Roma dove Salles ha ricevuto il Marc’Aurelio Lifetime Achievement Award.

Salles conduce Jia su tutti i luoghi dove il regista cinese ha girato i suoi film. Si immerge nella genesi dei suoi progetti, incontra i principali attori e collaboratori, gli amici e i “non-attori” che sono al centro dei suoi lungometraggi.

La versione di “Jia Zhangke, un ragazzo di Fenyang” presentata a Roma è il work in progress del film vero e proprio. Analizza il cinema del regista cinese, incentrato su una visione dal basso della società che tende ad esaltare i più poveri, i cinesi dei quartieri popolari, quelli che lui chiama “i non detentori del potere”. Descrive il passaggio della Cina dall’ortodossia comunista, a quella consumistica. La filosofia e le problematiche esistenziali poi, si intrecciano nei suoi lavori, da lui stesso indicati come molto personali, legati alla sua vita. Ma se non si è profondi conoscitori di Jia Zhangke, il lavoro di Walter Salles puo’ annoiare parecchio, essendo anche quasi totalmente privo di ironia e soprattutto di ritmo.

In conclusion,e una riflessione: c’era proprio bisogno di un approfondimento, peraltro non finito, su di un regista discretamente noto si, ma non particolarmente incisivo sul piano artistico?

Pro

Contro

Scroll To Top