Home > Recensioni > Joan As Police Woman: Damned Devotion
  • Joan As Police Woman: Damned Devotion

    Pias / none

    Data di uscita: 09-02-2018

    Loudvision:
    Lettori:

Esce il 9 febbraio sotto l’etichetta di PIAS Recordings il nuovo album di Joan Wasser, in arte Joan As Police Woman, intitolato “Damned Devotion”.

La cantautrice stessa descrive il disco come più scuro e intimo, completamente diverso nel mood dal precedente gioioso “The Classic”. Melancolico in questo caso non vuol dire necessariamente triste ma più riflessivo, introverso, anche se Damned Devotion riesce a mantenere un buon equilibrio tra i momenti intimi come “Warning Bell” dove la cantante parla con franchezza della sua tendenza ad essere ingenua nell’amore e quelli di urlare con urgenza come in “The Silence” che contiene le frasi My body, my choice, her body, her choice registrate durante la manifestazione Women’s March di Washington.

“Damned Devotion” è un disco registrato quasi interamente a casa, in solitudine, e da ascoltare possibilmente in condizioni simili. Sarà questo cambiamento nella modalità di lavoro il motivo per cui è un album così pulsante, più ritmico dei precedenti, con la sperimentazione con computer e batteria programmata come cuore del disco.

Più che mai si sente che oltre ad essere cantautrice, Wasser è (forse soprattutto) una musicista e producer, ed è anche molto di più di una brillante violinista che ha collaborato con i grandi come Anthony and The Johnsons, Beck o Lou Reed.

Quella di Joan Wasser per la musica non è poi una devozione così dannata.

 

Tracklist:

1. Wonderful

2. Warning Bell

3. Tell Me

4. Steed (for Jean Genet)

5. Damned Devotion

6. The Silence

7. Valid Jagger

8. Rely On

9. What Was It Like

Pro

Contro

Scroll To Top