Home > Recensioni > John Doe: Sin Symphony
  • John Doe: Sin Symphony

    John Doe

    Loudvision:
    Lettori:

Sinfonie in fase di sviluppo

Rock’n’roll energico è quello che ci presentano i bergamaschi John Doe nella loro bio allegata al cd d’esordio. E l’intenzione la si sente tutta nelle tracce proposte.

Dalla voce stridula e sgraziata di Anto, alle ritmiche essenziali e sfrontate, tutto di questa giovane band ricorda molto da vicino act come The Datsuns, ad esempio. “Daily Sins”, “Start To Fight” e “The Murderer Solution” sono i momenti migliori di un cd che non manca di qualche brutta caduta di tono.

Il tiro c’è alla grande, ma la personalità della band va ancora sviluppata un bel po’, così come può essere migliorata la produzione.
Alla luce di questo esordio, comunque, tali miglioramenti sono sicuramente già all’orizzonte.

I John Doe sono bravi, ma qualcosa del loro CD non convince, o meglio non colpisce come dovrebbe o potrebbe.
Sono tanti gli aspetti migliorabili, nonostante qualche bella sferzata di energia in alcune song. Sta di fatto che a discapito di un tiro notevole e capacità indubbie il disco lascia poco il segno. I migliori spunti di originalità ed efficacia vengono dagli inserimenti tastieristici inusuali nel contesto.
Va denotato il problema che esistono già altre band con questo monicker.

Pro

Contro

Scroll To Top