Home > Recensioni > John Wesley: Chasing Monsters
  • John Wesley: Chasing Monsters

    John Wesley

    Loudvision:
    Lettori:

La caccia è aperta

Quarto album a solo per il singer/song-writer di Tampa (Florida) John “Wes” Wesley. Personaggio forse poco conosciuto dalle nostre parti, Wes gravita da anni attorno al pianeta Marillion: chi ha seguito da vicino le gesta dei 5 di Aylesbury lo ricorderà infatti come guitar technician di Rothery sia come loro opening act – tra l’altro aprì anche la data milanese del tour di “Brave”. Non solo – il legame con la band di “Kayleigh” permise a Wes di debuttare in veste solista tramite la loro Racket Records, con un album (“Under The Red And White Sky”, 1994) prodotto da Mark Kelly, ed alla registrazione del quale parteciparono sia Steve Rothey che Ian Mosley. Attualmente John Wesley suona al fianco di Fish, che ha trovato in lui non solo un ottimo chitarrista ma anche un prezioso coautore, come si è potuto notare su “Fellini Days”, l’ultimo album del Pesce.”Chasing Monsters” si presenta bene grazie all’ecellente artwork firmato dall’immortale Mark Wilkinson (autore di tutte le copertine dei primi Marillion e di Fish solista, nonché di Judas Priest, Iron Maiden ed Hawkwind). Musicalmente parlando, il disco non presenta particolari innovazioni stilistiche – se vi sono piaciuti i suoi precedenti album, adorerete anche questo. Se invece state approcciando per la prima volta la musica di questo simpatico personaggio, rimarrete ammaliati dalla semplicità del suo rock prevalentemente acustico, mai banale ed arricchito da testi che, grazie al cielo, una volta tanto vanno oltre ai soliti triti e ritriti cliché. Si potrebbe obiettare che la voce di Wes non sia esattamente un fenomeno di potenza, ma vi assicuro che, per quanto flebile, il suo approccio vocale ben si adatta alla musica proposta. Tra i brani di punta, cito l’iniziale title-track ed i due brani più “vivaci”, “A Well Placed Hole” ed “All Or Nothing” in cui le atmosfere acustiche vengono rimpiazzate da un approccio decisamente più rock. Ricordandovi che potrete vedere Wes in azione all’Indian Saloon di Bresso il 26 Novembre al fianco di Fish, chiudo invitandovi a dare una chance a questo piccolo, grande album.

Scroll To Top