Home > Recensioni > Jon Savage: Black Hole
  • Jon Savage: Black Hole

    Jon Savage

    Loudvision:
    Lettori:

California Uber Alles

Jon Savage non è un musicista, la sua chitarra è una penna e la sua voce scorre veloce sulla carta di giornali come le ritmiche di quel punk che ha vissuto da fan e da accanito descrittore.
Celebre per “England’s Dreaming”, libro che fotografa in modo affascinante la nascita della cultura punk e la storia del Sex Pistols, Savage comincia nel nuovo millennio, forte di una certa fama, a pubblicare una serie di compilation.

Questa che presentiamo oggi è: “Jon Savage Presents Black Hole Californian Punk ’77-’80″, uscita per la Domino Records. Sostanzialmente una breve rappresentazione della controparte americana ai vari Sex Pistols, Damned, Sham 69 che vede nomi di rilievo come The Dead Kennedys, The Germs and The Zeros.

Bisogna ammettere che le compilation nel punk e nell’hardcore funzionano alla grande, questa “Black Hole” presenta ventisei schegge che filano veloci nelle orecchie e ti penetrano nelle orecchie, inni di una generazione musicale libera e selvaggia, un’iniziazione al ‘pogo’ più onesto e gioioso, suono di chi voleva riprendere per le mani il vero significato della parola rock n’roll.

Pro

Contro

Scroll To Top