Home > Recensioni > JTR Sickert: You Deserve Panic
  • JTR Sickert: You Deserve Panic

    JTR Sickert

    Loudvision:
    Lettori:

Nebbie londinesi in epoca vittoriana

Dopo il demo “Everything Is Growing Old”, i modenesi J.T.R. Sickert portano ora a compimento il loro primo full-length, “You Deserve Panic”, un concept album che immagina di dar voce alla figura di Jack The Ripper (J.T.R.), leggendario squartatore di prostitute londinesi in epoca vittoriana.

“You Deserve Panic” – undici tracce in tutto – è una riflessione cruda, malinconica e disincantata sul mondo, visto con gli occhi di Jack The Ripper e raccontato con i toni cupi dell’heavy metal e con quelli ambigui dell’elettronica.

Attraverso le atmosfere create dalla band e ai suoi testi taglienti, l’album affronta temi come la rabbia, la sofferenza, la dissolutezza di una vita libertina e la speranza, nell’amara consapevolezza che inevitabilmente tutto quanto ci circonda invecchia ed è destinato a finire.

Il pezzo di apertura, “JTR Says”, è un mix di riff tastieristici miscelati ad un’imponente sezione ritmica, un brano che dà subito un’immagine chiara del sound del gruppo: industrial metal con atmosfere e aperture molto “gothic” impreziosite dagli intrecci vocali di Tizio e dalla voce di Erika.

Si snodano su questa linea le successive tracce, tra ritmi cadenzati e accelerazioni violente che vanno a costituire un lavoro ben confezionato, a tratti interessante ed originale, soprattutto dal punto di vista stilistico e vocale.

Un buon punto di partenza per una band nostrana che si cimenta in un genere spesso considerato ormai stantio e privo di freschezza. I J.T.R. Sickert dimostrano di avere intuizioni originali e propongono un concept album interessante, che si ascolta con piacere e che potrebbe portare nuova linfa all’industrial metal. Promossi con una sufficienza piena.

Pro

Contro

Scroll To Top