Home > Recensioni > Jucifer: L’Autrichienne
  • Jucifer: L’Autrichienne

    Jucifer

    Loudvision:
    Lettori:

Un concept album particolare

Maria Antonia Giuseppina Giovanna d’Asburgo-Lorena (più comunemente conosciuta come Maria Antonietta d’ Austria, soprannominata per questo “L’Austriaca”) fu quella giovinetta costretta dalla ragion di stato a maritare l’allora re di Francia Luigi XVI, per poi fare una brutta fine a causa di rivolte popolari, giacobini e ghigliottine. I Jucifer (duo americano composto da Edgar Livengood e Amber Valentine) hanno deciso, con questo disco, di dare il loro piccolo tributo a questa figura storica, ripercorrendone le ultime fasi della vita in 21 canzoni. Lo stile del duo è quanto di più eterogeneo ci possa essere, visto che i brani spaziano dallo stoner-rock al grindcore più feroce, passando per ballate quasi country e brani più marcatamente shoegaze. Quello che ci si trova tra le mani è un disco variegato in cui unica costante è la voce di Amber Valentine, la quale riesce ad essere sia soave e dolce che rabbiosa, in base al mood del brano che deve interpretare: un plauso alla suddetta cantante per aver saputo cimentarsi con maestria in stili così diversi. I Jucifer sono difficilmente accostabili a una singola band, bensì sono il risultato di un numero così elevato di influenze che l’unico modo per decidere se questo disco piace o meno è ascoltarlo: difficilmente, comunque, non troverete al suo interno almeno un brano che non vi piaccia.

Scroll To Top