Home > Recensioni > June 1974: Suspense
  • June 1974: Suspense

    June 1974

    Loudvision:
    Lettori:

Musica all’immaginazione

Un EP, due canzoni per trenta minuti di musica in stile June 1974. E se ancora avete qualche dubbio sullo stile June allora provate a immaginare la musica al servizio dell’immagine, dove ogni suono, ogni strumento evoca un binomio molto caro a Federico Romano, quello tra sonorità e visualizzazione.

“Suspense” potrebbe essere una colonna sonora di un film o di qualsiasi documentario. La ricerca di suoni attraverso gli strumenti più classici e quelli più attuali come l’elettronica è ormai una consapevolezza di questo artista che si diletta tra musica e letteratura.

Due canzoni in trenta minuti? Non stiamo scherzando. Lo sappiamo le lunghe durate possono annoiare ma non è questo il caso. L’abilità creativa di Federico è troppo importante per correre il rischio della noia.

Non vi rimane che prendervi del tempo, chiudere gli occhi e con il pensiero immaginare un film dove voi siete il regista, il costumista e chi più ne ha più ne metta. C’è una sola condizione, la parte musicale è affidata a June 1974, ma questo non è un intoppo. Anzi.

Pro

Contro

Scroll To Top