Home > Recensioni > Justin Timberlake: 20/20
  • Justin Timberlake: 20/20

    Justin Timberlake

    Data di uscita: 01-10-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

L’esperienza di Timberlake al completo

“The 20/20 Experience 2 Of 2″ è il secondo album del 2013 di Justin Timberlake, uscito in Italia lo scorso 30 settembre e partorito in sole quattro settimane. Nel disco, fin dal titolo, è chiaro il continuum con il primo. “Gimme What I Don’t Know” e “True Blood” sono le prime due tracce a fare da apertura a quello che all’impattoappare un motivo sensualmente aggressivo con sottofondi da giungla o luoghi di terrore. Soprattutto “True Blood” carica parecchio. “Cabaret” è un ritorno ai suoni tipici dell’R&B. “You Got It On”, ballad ad alto tasso di sensualità, in cui Timberlake propone le sfumature della sua voce, dalle più naturali al falsetto. In chiusura del disco il suono soft di “Not A Bad Thing”, che si avvicina stilisticamente ai suoi trascorsi con la band ‘N Sync.

Alcuni brani di questo secondo disco non sono altro che un omaggio ad artisti come Micheal Jackson o Quincy Jone come in “Take Back The Night”. In “Murder”, il duo con Jay-Z funziona e, tra l’altro, Timberlake recupera strumenti quali l’indian tablar e il sitar. Questo secondo disco non è un continuo logico con il primo “The 20/20 Experience”, ma la struttura dei brani è su per giù la stessa. È curioso come Timberlake dia il via al disco con una ritmo esplosivo per poi terminare con la delicatezza dell’ultima traccia. Adesso che l’esperienza 20/20 di Justin è al completo, viene spontaneo chiedersi: sarà piaciuta come la prima o forse il risultato è migliore?

Pro

Contro

Scroll To Top