Home > Recensioni > Kaiser Chiefs: The Future Is Medieval
  • Kaiser Chiefs: The Future Is Medieval

    Kaiser Chiefs

    Data di uscita: 03-06-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Il futuro è nella vecchia buona musica

Dopo anni di silenzio tornano i Kaiser Chiefs con l’elettrico singolo “Little Shocks” e con tanto di sorpresa per i fan. L’ultimo album, “The Future Is Medieval”, infatti nasce in modo nuovo: sono gli stessi fan a produrlo. Scelte le canzoni, basta pagare e puoi urlare: “WOW! Ho prodotto l’ultimo album dei KC!”.

Veniamo ora alla sostanza. Il disco è corredato da pezzi energici, originali e di effetto come “Problem Solved”, “Can’t Mind My Own Business” e ” Child Of The Jago” oltre che a “Little Shocks”, che sono anche i punti di forza, ma il sound di fondo rimane quello del vecchio Brit Pop (nell’intro di “Fly On The Wall” sembrano i Blur che fanno i Gorillaz) e del background inglese, per questo abbiamo scelto un finale beatlesiano per il nostro album.

Premesso che i KC sono bravi a fare canzoni catchy che ti entrano in testa e lì continuano a girare in loop, e che stranamente il loro album migliore è il secondo, perfetto in ogni singola canzone, quest’ultimo lavoro torna come il terzo (e come anche il primo) album ad avere qualche punto debole.
Ma questi piccoli cali di tensione non incidono particolarmente sul giudizio finale del disco, che rimane comunque positivo…anche perché l’abbiamo prodotto NOI !

Pro

Contro

Scroll To Top