Home > Recensioni > Kasabian: 48:13 minuti di pura goduria
  • Kasabian: 48:13 minuti di pura goduria

    Kasabian

    Sony Music / Sony Music

    Data di uscita: 10-06-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Esce oggi, 10 giugno, il nuovo lavoro dei Kasabian “48:13″. 48:13 sono proprio i minuti di durata del disco che si fa attendere dopo l’ultimo successo di “Velociraptor”, ma ne vale veramente la pena. L’album pur avendo radici rock si apre a stili diversi come l’hip hop, il punk e l’elettronica, a tratti dance ma anche psichedelica. Una cosa è certa: con questo album si balla, e parecchio. “48:13″ è un disco che va ascoltato a tutto volume per essere davvero apprezzato. Il consiglio è, dunque, di alzare il volume delle casse e iniziare a godere per 48 e passa minuti.

Che dire. 12 tracce, e una più bella dell’altra. E’ un album che rischia di lasciare poco appagati i fedelissimi fan dei Kasabian per quel che riguarda la scelta dei generi adottati, ma dubito che non ne conquisterà di nuovi. La band ha optato per buttarci un po’ di tutto dentro il pentolone, e il risultato è davvero prelibato. E’ il mix di influenze a renderlo speciale alle orecchie di chi lo ascolta. Della serie: non è da tutti. Il pezzo d’apertura “Shiva” di pochi secondi lascia un po’ l’acquolina in bocca e anche un po’ spiazzati, ma subito si passa a “Bumblebee” e la cena è servita. E’ difficile sceglierne una tra tutte, ma quella che mi è rimasta più impressa è “Glass”. Anche “Bow”, la canzone di chiusura del disco, ha un suo perché: il finale lascia infatti il desiderio di “averne ancora un po'”. Il mio voto è 9, per il resto.. ascoltare per capire.

Pro

Contro

Scroll To Top