Home > Recensioni > Kasabian: Empire
  • Kasabian: Empire

    Kasabian

    Data di uscita: 28-08-2006

    Loudvision:
    Lettori:

Cambio di rotta, ma l’interesse è desto

Il primo, omonimo album risultò, alla sottoscritta, fottutamente accattivante sin dal primo ascolto; “Empire”, decisamente più complesso, lo diviene soltanto lasciato trascorrere qualche tempo. Sarà forse per quell’andamento tanto sixties; o magari per quell’attitudine inaspettatamente psichedelica; od ancora, per quel sano rock’n’roll fatto di chitarre che urlano sui 4/4 d’una batteria dall’essenzialità quasi nostalgica… Brani quali la opener nonché title-track, o la saltellabile “Shoot The Runner”, fatti per essere ballati, cantati a squarciagola nell’aria umida, piovosa (indie)british. Questi Kasabian, gli eredi diretti degli Oasis che furono, magari non commuoveranno, e neppure emozioneranno eccessivamente; ma “Apnoea”, per esempio, la sua accennata elettronica contorta (campionamenti pressochè onnipresenti nell’album, ma che arrivano a rivestire un quasi imprescindibile ruolo, divenendo strumento a tutti gli effetti fondamentale), la sessione ritmica metallica e fragorosa; “By My Side”, dall’andamento più cauto, ma sempre cadenzato e preciso nelle battute… Quelle, e tante altre, le si danza con rapimento, e con esse ci si esalta. Parentesi di stupore per un utilizzo, fortunatamente non abusato, dei violini, arrangiati su momenti appena più intimistici… Io credo ci si possa pure accontentare… Voi che dite?

Scroll To Top