Home > Recensioni > Keaton: Keaton
  • Keaton: Keaton

    Garrincha SoundSystem / none

    Data di uscita: 17-02-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Esce oggi, 17 Febbraio, per la Garrincha SoundSystem, il nuovo album dei Keaton che può essere definito a tutti gli effetti una piccola chicca, forse non tanto per i fanatici della techno quanto per chi sa apprezzare le mille sfumature e risorse della musica elettronica.

Innanzitutto bisogna rendere nota con un certo orgoglio l’italianità di questo progetto sorprendentemente originale e libero dai cliché dell’etichettatura di genere, nato dal trio di Bologna Carota, Hyppo e Salva. Dopo aver abbandonato una strada più pop e spensierata, nel 2014 il gruppo si getta nella sperimentazione fino a dare vita a questo album d’ “esordio” che mantiene però una certa freschezza. Le 8 tracks riescono ad essere equidistanti dalla ripetitività della minimal e dalla monotonia di alcune nuove derive della techno, andando a comporre un disco che non si appiattisce e non si accontenta di essere sottofondo indistinto, rischio in cui ultimamente molti dj e produttori si sono imbattuti.

Da notare sicuramente “Can You Do It Too”, canzone d’apertura che dimostra subito la personalità e il colore  dell’intero album, poi l’avvolgente “Stare” che fa leva sul potere del basso, “44 Floors” di sapore nostalgicamente 80ies con il pianoforte sovrapposto al synth, “Not With You” delicatamente trance (col cantanto di Veronica Lucchesi), fino a “Night Shift”, la track davvero “notturna” dove si alza la febbre dei BPM.

Che dire? Un ottimo lavoro, sapientemente pensato e dosato, che coglie gli aspetti migliori della musica elettronica mixandoli assieme, con l’obiettivo di conquista di ampi consensi (non tutto il pop vien per nuocere). A presto nei migliori club.

TRACKLIST:
1)    Can You Do It Too?
2)    Stare
3)    44 Floors
4)    Profusion
5)    Trees
6)    Not With You
7)    Runfred
8)    Nigh Shift

Pro

Contro

Scroll To Top