Home > Recensioni > Kelley Stoltz: Circular Sounds
  • Kelley Stoltz: Circular Sounds

    Kelley Stoltz

    Loudvision:
    Lettori:

Kelley In The Sky With Diamonds

Kelley Stoltz vive a San Francisco e suona una specie di pop psichedelico. Embè?, verrebbe da dire. Ma di cose che lo distinguono dall’esercito di “weird americans” ultimamente asceso alla ribalta ce ne sono parecchie: nonostante scriva, suoni e arrangi i suoi dischi tutto da solo, non si arrende al minimalismo e al lo-fi; trae la propria ispirazione dalla psichedelia britannica più che da quella statunitense, e lo fa senza confidare in apparizioni oniriche di Syd Barrett avvolto in luci variopinte. Sembra che Kelley si sia comprato i dischi e li abbia ascoltati, come farebbe ogni essere umano non provvisto di terzo occhio.
Con questo quarto lavoro riesce a dimostrare un’onestà, una raffinatezza espressiva e una chiarezza di scopo decisamente invidiabili: gli piacciono i Kinks, i Beatles dei tardi anni ’60 e il garage-blues della stessa epoca; mescola il tutto e lo arrangia in canzoni che sono dei ruvidi congegni pop elettroacustici, funzionanti in quanto variati, dinamici e mai del tutto elementari (come a volte capitava in “Below the Branches”); anima le canzoni con una stratificazione di strumenti e un’energia interpretativa che valorizzano tanto le ballate intimiste quanto i brani più movimentati; la sua è una di quelle prove che fanno realmente giustizia al concetto di “one man band”.
Bisogna tuttavia precisare che il disco subisce una leggera flessione nella seconda parte, caratterizzata da una minore varietà; ma i veri aspetti negativi di “Circular Sounds” sono strettamente connessi a quelli positivi. Kelley Stoltz grazie ai suoi “modelli” ha capito perfettamente come si struttura una canzone, e grazie a questa capacità riesce anche a redimere brani abbastanza insignificanti dal punto di vista melodico; si avverte la mancanza di quel (rischioso) salto di qualità creativo che potrebbe fare la differenza. Ma dopotutto ha semplicemente fatto un passo lungo esattamente quanto la sua gamba, e biasimarlo per questo sarebbe eccessivo.

Scroll To Top