Home > Recensioni > Kelsey Lu: Blood
  • Kelsey Lu: Blood

    Columbia Records / none

    Data di uscita: 19-04-2019

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Se dovessero chiedermi quale nuovo artista tener d’occhio in previsione di futuri grandi album punterei tutto su Kelsey Lu. Per chi non avesse mai sentito parlare di lei vi farò una breve introduzione cominciando col dire che lo scorso 19 aprile è uscito il suo primo album Blood sotto etichetta Columbia Records, dunque se non vi è ancora capitato di ascoltarla, rimediate subito perché l’LP è già in giro da tempo. Kelsey Lu, stage name di Kelsey McJunkins, nasce 29 anni fa nel North Carolina da una famiglia di testimoni di Geova, i cui rigidi sistemi la costringono a trovar una valvola di sfogo nella musica. La talentuosissima violoncellista e songwriter pubblica il suo primo EP Church nel 2016 riuscendo a dare nell’occhio e ad accattivarsi le collaborazioni di Solange, Sampha, Florence and the Machine e Blood Orange, con i quali condivide i palchi americani. Blood è inconfutabilmente spontaneo e delicato. Il violoncello scandisce il tempo rendendo la musica barocca; l’elasticità e l’estensione vocale mescola il pop, o l’avant-pop se vogliamo, l’esotica e la classica. Le tracce passano da trasognanti poesie a testi solenni ed inni vocali. L’ossessionante I’m not in love, cover dei 10cc, sorprende e ammicca all’avanguardistica dream music, i singoli Shades of Blue e Due West sono le tracce sicuramente più pop del disco. Lu trascina il violoncello nella scena urban pop, ne ridimensiona virtuosamente l’impiego e lo proietta tra suggestioni vocali e samples come in Foreign Cars e Atlantic. Non mi dilungherò su accorgimenti, elogi o discorsi epidittici: Blood non è ancora il lavoro migliore di questa giovane musicista, ma è indubbiamente foriero di fortuna e di talento. Kelsey Lu farà parlare di sé non solo perché è bella, stilosa, non si rade le ascelle ed ha l’estro da art performer ma si sentirà parlare di lei perché è un’artista a tuttotondo che fa un bellissimo utilizzo del proprio corpo e della propria anima, indubbiamente eccentrica e anticonformista come poche.

Pro

Contro

Scroll To Top