Home > Recensioni > Kens Dojo: Reincarnation
  • Kens Dojo: Reincarnation

    Kens Dojo

    Loudvision:
    Lettori:

Il dojo di Ken

Kens Dojo è il progetto solista del chitarrista e produttore norvegese Ken Ingwersen, ascia degli Street Legal e del grande Ken Hensley. Dopo una vita passata a suonare per altri, Ken decide di dedicarsi completamente a se stesso con “Reincarnation”, il suo primo disco solista. Invece di “tediarci” con un disco interamente strumentale, Ken, sfruttando le conoscenze acquisite nella sua lunga carriera musicale, sforna un lavoro ricco di numerosi guest.

La proposta dell’album si basa essenzialmente su un rock melodico di chiara matrice ottantiana condito da ritornelli al miele e assoli di gran caratura tecnica. Ampio spazio anche per le ballad introspettive, forse i momenti migliori del platter.

“Reincarnation” presenta una varietà abbastanza ampia di brani, dall’hard rock fumantino alla ballad fino ad un progressive un po’ scontato misto ad influssi shred, ma il minimo comune multiplo di base è lo stesso: un sound fortemente ovattato che ricorda quello delle produzioni degli anni ottanta. Il lavoro risulta quindi abbastanza anacronistico e poco originale sotto ogni punto di vista. Un certo Steve Vai aveva già fatto tutto qualche anno prima.

Pro

Contro

Scroll To Top