Home > Recensioni > Kernel: Servant Of God
  • Kernel: Servant Of God

    Kernel

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Servants of thrash

I lombardi Kernel si formano a Lecco nel 2000 riuscendo ad arrivare all’uscita del primo full length ufficiale, “Servant Of God”, solamente nel 2009 tra cambi di line up, demo autoprodotte e soprattutto un’intensa attività live. La proposta dei Kernel è molto chiara e diretta: thrash metal spaccaossa di matrice teutonica senza snobbare il flavour del thrashcore newyorkese, insomma nessun spazio per fronzoli o arabeschi di qualsiasi sorta. Gli amanti del thrash old school con “Servant Of God” avranno pane per i loro denti.

Il pane però, soprattutto per i più navigati in questo genere, risulterà un po’ raffermo. L’album infatti, se pur con un ottima produzione e una gran botta, è fortemente derivativo del sound e dell’attitudine del thrash anni ottanta e risulta decisamente poco personale. Gli unici elementi innovativi sono i due brani cantati in italiano, ma la nostra lingua non è propriamente adatta per un genere come questo e le canzoni perdono inesorabilmente di fascino.

Pro

Contro

Scroll To Top