Home > Recensioni > Khymera: The Greatest Wonder
  • Khymera: The Greatest Wonder

    Khymera

    Data di uscita: 22-02-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Hard Rock all’elio

Nato come il progetto solista di Daniele Liverani e Steve Walsh, e sostituito quest’ultimo già a partire dal secondo lavoro, i Khymera sono oggi, al terzo album, una full band stabile, che ha conquistato il suo spazio nell’hard melodic rock grazie alla scoperta di un Dennis Ward notevole singer, di un Tommy Ermolli abile fantasista della sei corde e di una già nota poliedria compositiva del nostro Liverani. In verità, quest’ultimo, vero “Genius” della band, ha fatto nuovamente incetta di abili compositori, come i fratelli Tom e James Martin.
L’album si compiace in un AOR leggero e ballabile. La melodia allaga le stanze delle tredici composizioni e trasborda arrangiamenti freschi ed ebri di brio. Con un netto vantaggio della seconda parte del cd sulla prima, il songwriting si presenta easy-oriented e mostra un lato a stelle e strisce del nostro Liverani, nascosto invece nei paralleli progetti che recano la sua firma. L’indirizzo dell’album è dunque il refrain arioso e radiofonico (modello Journey), questa volta – a differenza del passato – corredato da una produzione più curata.
Così in ascesa, la band, tra qualche mese, parteciperà all’European Melodic Festival. Ed il pubblico, a quel punto, ne deciderà la definitiva sorte, se leggenda o semplice cometa.

Scroll To Top