Home > Recensioni > Kid Rock: Sweet Southern Sugar
  • Kid Rock: Sweet Southern Sugar

    BMG Rights Management / none

    Data di uscita: 03-11-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Scanzonato, sicuro di sé e provocatorio: il buon vecchio Kid Rock sembra proprio non voler perdere quel piglio che lo ha reso celebre nel panorama hard rock americano negli ultimi 20 anni. In questo senso, “Sweet Southern Sugar” (pubblicato lo scorso venerdì 3 novembre) rappresenta un’ulteriore conferma di quello stile sfrontato e “republican” tipico di Bob Ritchie, contaminato sempre di più (rispetto ai primi anni 90) dallo spirito southern rock mescolato a sonorità propriamente country. Il disco contiene 10 brani, tra cui i tre singoli apripista “Po-Dunk” (al 27° posto nella classifica “Hot Country Songs”), “Greatest Show On Earth” (16° nella “Mainstream Rock Chart”) e “Tennessee Mountain Top” (anch’essa nella “Hot Country Songs”), catturando l’attenzione sin dal primo ascolto.

“Sweet Southern Sugar” è un vero e proprio viaggio a bordo di una Cadillac decapottabile anni 50, muovendosi ad ogni curva della “highway” tra sonorità rock degne dei più moderni ZZ Top (“Po-Dunk”), ballad malinconiche simil Lynyrd Skynard (“Back To The Otherside”, “Raining Whiskey”) e persino un assaggio del caro vecchio hardcore rap (“Grandpa’s Jam”), lanciando messaggi provocatori conditi di sesso, alcol e droghe, oppure celebrativi e carichi di orgoglio americano, o ancora di amore e libertà. In questo lavoro (l’undicesimo in studio) è possibile scorgere una certa maturità da parte di Kid Rock, consacrata dal sodalizio raggiunto negli ultimi anni (o almeno dall’album “Rock n Roll Jesus” del 2007) con la country music. Alzate pure lo stereo!

Pro

Contro

Scroll To Top