Home > Recensioni > Kild: Smallness Towards The Secret
  • Kild: Smallness Towards The Secret

    Kild

    Loudvision:
    Lettori:

A posto così

Dopo essersi sfiorati più volte negli anni ’90, i Kild si formano nel 2008. Forti di un bagaglio personale di tutto rispetto, i quattro milanesi rilasciano così il disco d’esordio nel novembre 2010.

“Smallness Towards The Secret” è un album il cui rock racchiude le varie influenze su cui è modellato il sound della band lombarda, da ricondursi prevalentemente alla scena anni ’90. Dal grunge all’alternative, al crossover, passando per le atmosfere british e il complemento dell’elettronica, il riferimento più calzante conduce ai Radiohead.

I testi, opera del singer Fabio Roveroni, si muovono su un doppio binario: il viaggio dentro se stessi e il rapporto con il mondo circostante.

La chiarezza di idee, la maturità con cui vengono tradotte in musica e la qualità interpretativa sono connotati che difficilmente si rinvengono in un esordio discografico. Partendo da atmosfere soft, i Kild disegnano variazioni psichedeliche e distorsioni sonore, disintegrazioni del suono armonico portatrici di moderata cupezza. Per loro stessa ammissione, una minore quantità di polvere in cuffia e una pronuncia inglese più precisa avrebbero migliorato il prodotto, ma siamo già a posto così.

Pro

Contro

Scroll To Top