Home > Recensioni > Kill It Kid: Feet Fall Heavy
  • Kill It Kid: Feet Fall Heavy

    Kill It Kid

    Loudvision:
    Lettori:

Inglesi (bravi) che guardano oltreoceano

I Kill It Kid provengono da Bath, sud-ovest del Regno Unito. Ma il loro disco d’esordio, “Feet Fall Heavy”, suona in maniera tutt’altro che britannica. Un po’ di sano rock and roll, ma anche blues e folk in queste dieci tracce.

Oltremanica furono osannati nel 2009 con il loro debutto omonimo, e la stampa aveva ragione (incredibile ma vero, la stampa inglese che sembra azzeccarci). Già dalla seconda traccia “Heart Rested With You” siamo immersi in un rock molto West Coast americana, per non parlare di “Wild And Wasted Waters”.

Un disco fresco e ricco di energia, nel quale però sono presenti anche momenti riflessivi. Il tutto funziona.

Davvero bravi sti ragazzotti. Procedendo nell’ascolto di tutto il disco verrebbe da dire però fighi sti ammerigani folkettoni. Invece no, nati e cresciuti (anche musicalmente) in Inghilterra. Ma sembra che non abbiano mai ascoltato un disco inglese prodotto negli anni ’90 o 2000. “Run” è il pezzo che avrebbero potuto scrivere i Black Rebel Motorcycle Club di “Howl” e “Home” ha il potenziale per diventare un classico alla Jefferson Airplane.
Giovani che ci sanno fare e hanno le idee giuste. Dato uno sguardo olteoceano, hanno deciso di prendere le cose migliori usicte da lì negli ultimi quarant’anni. Da apprezzare.

Pro

Contro

Scroll To Top