Home > Recensioni > Koo: Marea
  • Koo: Marea

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 16-04-2014

    Loudvision:
    Lettori:

I Koo sono un quartetto romano e si definiscono “il racconto a tinte scure della vita che avremmo voluto vivere, oppure che abbiamo vissuto senza accorgercene”, “l’espressione poetica del nostro quotidiano, compresi i suoi lati più nascosti e fangosi, senza per questo disdegnare multimedialità ed evoluzione tecnica del suono”.
Hanno partecipato alla manifestazione Yeo Yeo Asylum Circus (che li ha portati ad aprire a KuTso, Management del Dolore Post-Operatorio ed Eva Mon Amour), ed ora pubblicano il primo Ep “Marea”, presentato live il 16 aprile 2014 al Lanificio 159, mentre il brano “Un Altro Giro” è reso disponibile in anteprima sul portale ExitWell.

Fin dal titolo immaginiamo che le canzoni saranno percorse tutte da una vena malinconica, ed è così: riflessione, solitudine ed emozioni sofferte ci sono. Il problema è che a parte questo, non c’è altro di ben definito. Non emerge uno stile davvero personale, quel quid che fa la differenza. Sì, la voce di Cicchinelli è appassionata, ma se il sound manca di mordente, devono essere per i testi a nobilitare il tutto, e questo non succede, anzi è difficile non vestire i panni della maestrina dalla penna rossa: si comprende l’intenzione contemplativa, ma alcuni passaggi la rovinano e davvero non possono giustificarsi come licenza poetica.
Bisogna assolutamente correggere il tiro.

Pro

Contro

Scroll To Top