Home > Recensioni > Kotipelto & Liimatainen: Blackoustic

Finlandia leggera

Torna il duo composto dal cantante Timo Kotipelto e dal chitarrista Jani Liimatainen, questa volta interamente al di fuori dei confini del power metal. “Blackoustic” è un album di sole cover di hit del rock e di brani scritti dai due musicisti all’interno delle celebri band di appartenenza. Il tutto rigorosamente in acustico.

Non si tratta tanto della riproposizione di ballad sentimentali, ma della destrutturazione – fino all’essenziale – di brani noti per la potenza come “My Selene” e “Speed Of LIght”. Kotipelto reinterpreta secondo il suo stile alto e piuttosto omogeneo, Liimatainen arpeggia e accompagna, superando l’abolizione di assoli e bridge veloci. Le cover sono tutti grandi classici del passato, da “Behind Blue Eyes” a “Rainbow Eyes”.

Anche in questa pubblicazione, il frontman degli Stratovarius rispolvera una grande tecnica, senza mai essere un maestro di espressività. Nel chiuso di uno studio di registrazione, l’esperimento acustico passa quasi per un esercizio stilistico, intimo solo a sprazzi. L’operazione di riscrittura dei brani, comunque, viene compiuta nei minimi dettagli e risultati si vedono al punto che, senza la linea vocale, riconoscerli sarebbe un’impresa.

Pro

Contro

Scroll To Top