Home > Recensioni > KuTso: Che Effetto Fa
  • KuTso: Che Effetto Fa

    Goodfellas / none

    Data di uscita: 28-09-2018

    Loudvision:
    Lettori:

Che effetto fa ascoltare il nuovo album dei KuTso? Una prima risposta può darcela la cover del disco. Bisognerebbe dare un premio ai KuTso solo per il messaggio che vogliono lanciarci. Crescere artisticamente ma non dimenticare mai la voglia di divertisi e giocare.  “Che effetto fa”, uscito lo scorso 28 settembre per GoodFellas sono i nuovi KuTso. Nuovi in tutti sensi, sia per quanto riguarda la formazione (entrano in campo Brian Riente, Luca Lepore e Bernardino Ponzai) sia per l’aggiunta di nuovi componenti nel sound. Insomma, benvenuti synth ed elettronica. Matteo Gabbianelli, deus ex machina del progetto da sempre, è l’esempio di come una band possa risollevarsi come e quando vuole se ci si impegna veramente. Io credo che questo disco sia la risposta che tutti i fan dei KuTso stavano aspettando. L’ironia che da sempre li caratterizza resta il loro punto di forza e l’intero disco ne è pervaso come nei pezzi “Manzoni Alieni”, “Disoccupato”, “Niente Cuoricini”. Non manca l’amore cantato in brani come “Strade Interrotte”, canzone più introspettiva dell’album e la romantica “Uno+Una”.

La band di Gabbianelli è carica e pronta a portare sui palchi tutto quello che ha creato. Vorrei spezzare una lancia in più a loro favore (perché personalmente ho percepito l’impegno che c’è dietro tutto ciò) col dire che probabilmente a penalizzarli sia stato il periodo sbagliato in cui sono nati. Sono considerati vecchi rispetto gli artisti in voga del momento ma fanno roba giovane e fresca, soprattutto originale, divertente, senza cadere nella banalità. È un vero peccato perdersela. Quindi aprite bene le orecchie: andate a cantare, scatenarvi con le loro canzoni e divertitevi con criterio.

Pro

Contro

Scroll To Top