Home > Report Live > L’onestà artistica

L’onestà artistica

L’annunciato acquazzone è infine giunto. Questa volta, però, le forze della natura concedono un break nel quale i Velvet possono ugualmente mettere su una degna ora di spettacolo.
La serata si apre alle 21.30 con l’ospite di supporto Luciano Ferrante & Le Forbici, cantautore astigiano giunto da poco al debutto discografico con l’album “Carta E Inchiostro”. Mezz’ora per lui, prima che l’ira delle nuvole si rovesci su piazza Cattedrale.

Nel tempo a sua disposizione Ferrante propone alcuni pezzi del suo disco, da “Rospo” ad “Alla Luce Delle Lanterne”, di fronte ad un pubblico casalingo discretamente numeroso che lo sostiene e canta con lui tutti i ritornelli. Nonostante la buona performance, al momento del singolo “La Percezione Dei Sensi”, inizia a piovere. Il pubblico resiste, ma l’esibizione si ferma alla fine del brano col timore che un’altra serata debba andare in archivio in anticipo.

Si confabula nell’area backstage attendendo che il maltempo dia una tregua. È così. Alle 22.50 circa cessa la pioggia. I Velvet decidono di salire sul palco per tributare, pur con un breve show, quanti hanno atteso fiduciosi nei paraggi della piazza che il concerto avesse ugualmente luogo. Partono in quarta con alcuni brani del nuovo e quinto album, “Nella Lista Delle Cattive Abitudini”, tra i quali svettano il primo singolo, “Tutti A Casa”, e la ballabile “I Nuovi Emergenti”.

I suoni sono ottimi e la band, nonostante le circostanze, dimostra forma smagliante, grande simpatia e talento, ringraziando a più riprese gli astanti che ancora saltano, applaudono e cantano. Nella scaletta fanno la loro comparsa alcune hit passate, da una trascinante versione di “Funzioni Primarie” alla melanconica ballad “Tutto Da Rifare”, mentre “Dovevo Dirti Molte Cose” è per l’ennesima volta un positivo colpo al cuore per testo e melodia.

Tutto qui. Pier Ferrantini, cantante del gruppo, saluta e rimanda al prossimo appuntamento senza lesinare inchini e ulteriori ringraziamenti per il calore dimostrato dal pubblico astigiano. Una band onesta, i Velvet.

Scroll To Top