Home > Recensioni > La corrispondenza
  • La corrispondenza

    Diretto da Giuseppe Tornatore

    Data di uscita: 14-01-2016

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Nuovo film dal cast e dall’ambientazione internazionale per Giuseppe Tornatore dopo il recente “La migliore offerta”: con “La corrispondenza“, in uscita nelle sale il 14 gennaio, il regista racconta ancora una volta una storia d’amore avvolta in una cornice di mistero.

I due protagonisti, Ed (Jeremy Irons) e Amy (Olga Kurylenko), si sono conosciuti all’università: lei è una studentessa di astrofisica che si guadagna da vivere lavorando come controfigura sui set cinematografici, lui uno stimato professore. Si amano in segreto da anni, lui ha già una famiglia, ma lo lega a Amy un rapporto fortissimo. Fin troppo forte? Di più, sulla trama, è giusto non svelare.

Le molteplici reazioni che, come spettatori, possiamo avere di fronte a “La corrispondenza” sono influenzate da diverse variabili soggettive, prima fra tutte la nostra idea dell’amore e dei rapporti di coppia (sempre che sia possibile averne una soltanto): la condizione psicologica che Amy vive nella seconda parte del film, e in generale la sua relazione con Ed, possono suscitare in noi empatia, commozione, oppure fastidio, persino rabbia.

Giuseppe Tornatore non ne dà una lettura univoca, e in questo senso il film è perfetto per provocare accese discussioni post-visione, un po’ come avveniva, per motivi diversi, con “La migliore offerta”. Tuttavia, la messa in scena e i dialoghi spingono verso una direzione smaccatamente romantica, resa estenuante da battute insistite (il doppiaggio non aiuta, anzi dà a ogni parola un suono finto e stucchevole) e da personaggi che subiscono un’evoluzione già vista troppe volte in troppe storie.

Per quanto riguarda l’estetica e l’approccio al materiale narrativo, sarebbe però ingiusto dare una valutazione troppo negativa: “La corrispondenza” non si discosta dalla produzione più recente di Tornatore, comunque curata dal punto di vista produttivo, e non pretende certo di sorprenderci. Un film per i fan di Tornatore, mettiamola così.

Pro

Contro

Scroll To Top