Home > Recensioni > La Figlia Dell’Incendiario: La Figlia Dell’Incendiario

Correlati

Quante cose sembra questo cd…

Ve li ricordate gli Estra?
Ecco. La Figlia dell’Incendiario li copia quasi pari pari, senza aver però la lucidità di scrittura che la band emiliana aveva ai tempi.

Gradevoli musicalmente, La Figlia dell’Incendiario è un gruppo è rock molto cupo, con vibranti effetti di delay e flanger.
Quel che lascia perplessi riguarda il cantato. La voce, comunque gradevole, si piega ad evocare toni orrorifici, risultando a volte ridicola. Ma soprattutto i testi, decantati in modo compiaciuto, sono banalotti, e cercano di evocare ansie e timori che suonano falsi già a chilometri di distanza. Insomma, non li ha certo scritti E.A. Poe, e non ci si dovrebbe compiacere come se invece così fosse!

Chi ama il prog e Lovecraft e non si spaventa di fronte a un po’ di imperizia, amerà il gruppo di Giampaolo, Alberto e Marco e si sentirà colto artista nel mettere sul piatto un cd che unisce musica e letteratura.

Pro

Contro

Scroll To Top