Home > Recensioni > La Madonna di MezzoStrada: Crono
  • La Madonna di MezzoStrada: Crono

    La Fame Dischi / none

    Data di uscita: 10-01-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Crono è il terzo album firmato dalla band perugina “La Madonna di Mezzostrada”, pubblicato lo scorso 10 gennaio da La Fame Dischi ed è un concept album che cattura sin dal primo play.
Sicuramente già il titolo “Crono” fa guadagnare ai perugini una stellina sulla loro bavero: Crono, il signore del tempo, colui che può gestire inizi e fini, che può “nuocere gravemente” – come recita il testo dell’ultimo e omonimo brano del disco.
E chissà, se sia merito di Crono, della capacità compositiva della band, del gusto sottile e sapiente nel gestire i suoni di Daniele Rotella, ma questo disco ha davvero la capacità di farci fare un tuffo nel tempo, andando indietro verso un post -punk con punte di noise e nuovamente in avanti con arrangiamenti attuali, rimanendo sempre sospeso in percorsi cantautorali, distorti e rock.

Si lascia ascoltare, fluisce, colpisce, creando tutto intorno un’atmosfera piacevolmente malinconica, degna di quel rock italiano di 20 anni or sono; di quel tempo in cui i musicisti volevano raccontare attraverso la musica ciò che non poteva esser visto o forse udito in altro modo.
I  6 brani compongono, come pezzetti di puzzle, un quadro più grande restituendoci il piacere di guardare “triliardi di stelle”.
Un disco che come unico contro ha quello di essere troppo breve, e come pro ha la delicata capacità di insinuarsi nelle fibre dell’ascoltatore pretendendo di essere ascoltato ancora.

Questo concept album è un ottimo lavoro, è un disco “suonato” e merita il nostro applauso.  Bravi davvero.

Pro

Contro

Scroll To Top