Home > Report Live > La musica è finita, il rock no

La musica è finita, il rock no

Sono da poco passate le 23:00 quando l’Orion di Ciampino si riempie ed è pronto ad accogliere sul palco il primo dei due gruppi della serata, i Kutso, band proveniente dai Castelli Romani vincitrice del Martelive nel 2011.

La band propone il suo rock al limite col demenziale sprigionando una grande carica e dimostrando di avere, oltre le doti musicali e vocali, un’innata attitudine allo show, soprattutto il cantante Matteo Gabbianelli che non sta fermo un solo attimo sul palco.
Tra un “Compro La Tv”, “Questa Società” e “Alè”, i Kutso non si risparmiano niente, neanche il volo del cantante sul pubblico che è ben felice di sostenerlo.

Dopo poco meno di un’ora di live i Kutso devono lasciare la scena agli attesissimi Linea 77, che hanno scelto l’Orion per presentare al pubblico il loro nuovo EP, “La Speranza È Una Trappola” nonché come prima data del tour che li porterà in tutta Italia.
L’attesa, però, non è solo per le nuove canzoni, ma anche per la nuova formazione che, dopo l’uscita di Emi, storica voce del gruppo, vede Dade accompagnare Nitto al microfono.

Ad aprire il concerto dei Linea 77 “Il Veleno”, primo singolo del loro nuovo EP, per poi passare a due canzoni molto amate dai fan della band: “Sempre Meglio” e “Moka”, in una scaletta che non trascura nessuno dei grandi successi del gruppo torinese.
Del nuovo Ep vengono eseguite tutte le tracce davanti a pubblico che, pur entusiasmandosi di più per i vecchi pezzi, si è dimostrato preparato anche sui nuovi, tenendo un atteggiamento, almeno questa è la nostra sensazione, del tipo “Il pezzo lo conosco ma voglio prestare più attenzione all’esecuzione perché è la prima volta che lo fanno dal vivo“.

Per il resto il live è tutto una pogata sopra e sotto il palco e Dade si dimostra un ottimo co-frontman, anche se sembra un po’ intimidito quando Nitto lo invita a parlare col pubblico, ma non è niente che non possa superare con un po’ di rodaggio e siamo sicuri che già tra un paio di date sarà molto più a suo agio.

Il concerto, durato più di un’ora e mezza, è la prova che al di là delle polemiche e dei cambiamenti, i Linea 77 sono tornati più forti ed energici che mai.

Linea 77:

“Il Veleno”
“Sempre Meglio”
“Moka”
“Avevate Ragione Voi”
“Evoluzione”
“La Speranza È Una Trappola”
“Vertigine”
“Un Uomo In Meno”
“66 (Diabolus In Musica)”
“La Musica È Finita”
“Il Mostro”
“Inno All’Odio”
“Mi Vida”

Bis:
“La Caduta”
“Fantasma”

Scroll To Top