Home > Recensioni > La scala Shepard: Bersagli
  • La scala Shepard: Bersagli

    Goodfellas / none

    Data di uscita: 25-10-2019

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Si chiama “Bersagli” il primo album in studio de “La scala Shepard” e uscirà il 25 ottobre per Goodfellas. Registrato presso gli studi del Cubo Rosso Recording a Roma, prodotto da Igor Pardini e supervisionato da Gianmarco Dottori, con il contributo in fase di arrangiamento e di ripresa delle tastiere di Valerio Smordoni e Guglielmo Nodari, risulta essere già ad un primo ascolto un lavoro molto interessante sia dal punto di vista musicale che testuale.
Da una parte abbiamo chiare influenze legate alla scena rock britannica (chitarre distorte, sintetizzatori ecc.) dall’altra abbiamo delle lyrics caratteristiche della canzone d’autore italiana.
“Bersagli” è prendere coscienza di un pericolo mai considerato, è lo smarrimento e la frenesia del panico, il senso di immobilità di fronte alle paure”, ci dice la band.
Il sound della band infatti è caratterizzato da ritmi ossessivi che martellano l’ascoltatore fino a catapultarlo, con l’aiuto delle scelte melodiche e d’arrangiamento, in un ambiente caratterizzato da un’atmosfera incerta e soffocante.
Personalmente mi hanno colpito molto le scelte vocali e corali che a mio avviso risultano molto caratteristiche e ricercate, il brano che invece ho più apprezzato all’interno del disco è: “Potesse esplodere questa città”.
Concludendo credo che “Bersagli” sia davvero un disco degno di nota.

di Carlo Capretta

Pro

Contro

Scroll To Top