Home > Recensioni > Lacuna Coil: Delirium
  • Lacuna Coil: Delirium

    Lacuna Coil

    Century Media / Sony Music

    Data di uscita: 27-05-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Delirium è il nuovo atteso album dei Lacuna Coil, uscito in tutto il mondo il 27 maggio 2016 su etichetta Century Media/Sony Music.

Anticipato dai singoli The House of Shame, Delirium e Ghost in the Mist, “Delirium” è l’ottavo album di inediti del gruppo milanese. E’ un concept-album e al riguardo, gli stessi componenti del gruppo hanno dichiarato: “Delirium parla degli orrori che dobbiamo affrontare nella vita di tutti i giorni esplorando l’ignoto e infine speriamo trovando la cura giusta”.

Le differenze dagli ultimi, sciapi lavori, sono evidenti già nei singoli. Innanzitutto le voci. In quasi tutti i brani la prima voce è quella di Andrea Ferro, che peraltro ha migliorato parecchio il suo growl, mai così tanto sfruttato. Ed è una scelta vincente. Peccato pero’ che Cristina Scabbia rimanga in secondo piano per quasi tutto l’album, ad eccezione fatta di DownFall, che è anche una delle tracce meno riuscite. Il ritorno a un metal più deciso è un’altra scelta decisamente positiva. I brani The House of Shame che apre l’album, e Ultima Ratio, che lo chiude, sono i più convincenti e anche i più heavy, con sonorità che rimandano al death.

Il disco vede la partecipazione di Mark Vollelunga dei Nothing More, che ha aggiunto un assolo a “Blood, Tears, Dust”, e di Myles Kennedy (Alter Bridge e altre band), che ne ha creato uno per “Downfall”.

In conclusione, il disco presenta evidenti novità positive, anche se il sound rimane non originale e appesantito da scelte stilistiche non particolarmente brillanti. Restano al contempo qua e là, passaggi di quel fastidioso pop-metal, presenti soprattutto negli ultimi lavori.

 

Pro

Contro

Scroll To Top