Home > Recensioni > Lana Lane: Red Planet Boulevard
  • Lana Lane: Red Planet Boulevard

    Lana Lane

    Data di uscita: 07-12-2007

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Viaggio nel pianeta rosso

Dopo una lunga serie di cover e live album, Lana Lane insieme al marito-produttore Erik Norlander, finalmente ci propone un lavoro costituito da dodici tracce inedite e in assoluto stile rock melodico con sfumature metal, caratterizzate soprattutto da energici riff di chitarra.
“Red Planet Boulevard” si apre con “Into The Fire” che, oltre a denotare subito doti tecniche e vocali ineccepibili, ci trasporta nel mondo fantasy evocato anche dalla colorata copertina dell’album. Si prosegue con “The Frozen Sea” e “Capture The Sun”, due tracce che strizzano l’occhio al power metal mantenendo sempre una linea di fondo melodica e molto sinfonica.
Non mancano ballad più delicate e lente, come “Jessica”, “Lazy Summer Day” e “The Sheltering Sorrow” che smorzano i toni, rasserenano gli animi e addolciscono le asperità anche grazie a tenui arpeggi di chitarra. In queste tracce, in particolare, spicca la voce sinuosa e flessuosa di Lana che interpreta in maniera magistrale un’atmosfera fatta di linee morbide e concilianti.
L’album si chiude con la sinottica title track: una sorta di riepilogo dei precedenti stili presenti, dal rock melodico al metal, passando per le gradazioni intermedie, quasi a voler sintetizzare e riunire tutte le influenze che hanno caratterizzato la composizione del disco.
Musica di classe quella di Lana Lane, musica adatta ad accompagnare tutti coloro che sognano un onirico viaggio nello spazio e nel tempo senza necessariamente prevedere un ritorno.

Scroll To Top