Home > Recensioni > Le Capre A Sonagli: Il Fauno
  • Le Capre A Sonagli: Il Fauno

    #hashtag. / none

    Data di uscita: 27-02-2015

    Loudvision:
    Lettori:

Bestialità. È questo ciò che viene in mente pensando alle Capre A Sonagli e ai loro dischi. Dopo “SadiCAPRA”, la band bergamasca ha deciso di abbandonare la tematica dei belanti mammiferi per dedicarsi al racconto di un’avventura animata da bestie fantastiche esotiche. Già dal titolo si capisce che il viaggio che ci aspetta sarà assai movimentato e non convenzionale. L’album è diviso idealmente in quattro suite, capitoli che racchiudono i momenti fondamentali del racconto che il Fauno fa delle peregrinazioni di Joe Koala. L’eroe vaga attraverso un mondo sonoro a cavallo tra il sogno e la realtà. Cavalcate da sogno, incontri grotteschi, foreste dai colori innaturali, così come piace al Fauno narratore.

Ho sempre pensato alle Capre come ad una versione orobicizzata di un certo Tom Waits. Voci e schitarrate sporchissime e rudi. Se poi ci si aggiungono dei deliri onirici quello che si ottiene è qualcosa come “Il Fauno”. Certo, la narrazione non è chiara e lineare, i pezzi si confondono l’uno entro l’altro e fondamentalmente si hanno solo fugaci impressioni di quello che Joe Koala si trova ad affrontare. Ma non ci si può aspettare molto altro da un sogno ad occhi semiaperti. Consigliatissima, prima dell’ascolto, l’assunzione di un mood ricettivo e dalle ampie vedute.

Pro

Contro

Scroll To Top