Home > Recensioni > LeadtoGold: I
  • LeadtoGold: I

    Weapons of Love / none

    Data di uscita: 27-04-2018

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Dopo quasi tre anni dalla pubblicazione dell’EP Less is More è uscito il 27 aprile sotto l’etichetta Weapons of Love l’album di esordio di LeadtoGold, I.
Il trio di Augusta composto dai fratelli Longo, Sebastiano (voce, chitarra, basso e synth) e Sergio (sezione ritmica) e Giulia Serra (voce, synth) nelle tredici tracce (tra quali 4 già conosciute dall’EP) mischia le sonorità elettroniche trip-hop con chitarre rock. Le due voci suonano bene insieme e si completano a vicenda ma bisogna dire che i momenti più forti dell’album sono quelli quando prevale quella di Sebastiano Longo (che a tratti ricorda quella di Damon Albarn) come 2:57 o Come. I pezzi che mettono in risalto la voce di Giulia Serra sono invece Ebony o Millionaire.
I è un album che straborda di citazioni – c’è American Beauty in Millionaire, 1984 di George Orwell in Room 101, Acid House di Irvine Welsh in Eurotrash, ci sono Sarah Marie Summers e Rodrigo Alves diventati famosi per la loro dipendenza dalla chirurgia estetica nella 2:57, c’è infine la voce di Charles Manson nei tre interludi. È anche un disco che trasuda l’erotismo ma visto in modo oscuro, a tratti anche violento.
Sembra che i LtG sono arrivati giusto in tempo, hanno le idee chiare e non gli manca nulla per raggiungere un successo sull’ondata della popolarità dell’indie in Italia, ma hanno ancora tanto lavoro da fare.

Tracklist:
1. Interlude 1
2.Where’d You Run
3. Interlude 2
4. Millionaire
5. 2.57
6. Come
7. Ebony
8. Less Is More
9. Interlude 3
10. Room 101
11. Bob John
12. Eurotrash
13. Who Get Around

Pro

Contro

Scroll To Top