Home > Zoom > LEDI: vi raccontiamo questo esordio brano per brano

LEDI: vi raccontiamo questo esordio brano per brano

Vi avevamo presentato in anteprima la meravigliosa “Zemra Ime” una ninnananna interamente cantata in albanese (sua lingua madre) con un video che immortalava alcuni scenari magici e segreti di una Genova deserta. Dietro le quinte di una canzone che sembra d’impatto sottile e intimista esiste un intero disco che suona moderno ed elettronico, senza mai guizzi di potere e di rivalsa, ricco sempre di un piglio assai intenso dai contenuti forti, presenti, definitivi. Insomma quello di LEDI non è un esordio tanto per fare, ma è un disco che somiglia più ad un approdo di vita e ad un traguardo generazionale, il suo, quello della sua famiglia, quello della sua vita, quello della sua forma canzone. Un lavoro dal titolo altrettanto importante che noi vi raccontiamo traccia per traccia: “Cose Da Difendere”. Il video del singolo di lancio interamente girato a Berlino.

LEDI, Cose Da Difendere brano per brano

COSE DA DIFENDERE
Brano che dà il titolo al disco ed in cui è
riassunto il significato di tutto. Le cose da difendere sono le stelle che brillano, le cose che accadono e ci attraversano, nel bene e nel male.

TELEMACO
Brano che parla di chi vive sopportando una casa troppo ingombrante, la storia di un ragazzo che capisce che non servono eroi, ma padri.

PENELOPE
Una storia d’amore che vuole fotografare una Penelope senza giudicarla, senza aspettarsi da lei la ribellione o una sottomissione. A volte ci si scorda che la vita accade comunque.

DEVO TORNARE AL NORD
Una preghiera nera. Il nord è quel luogo fisico
e dello spirito in cui il sangue torna a casa per addormentarsi.

UN TEMPO
C’è un tempo per la primavera, coi suoi silenzi della sera…

NAUSICAA
La semplicità di un vento che ti attraversa, di un profumo che non ti fa dormire la notte

COM’ERA PRIMA
Il ricordo di come era bello quando si stava insieme per il piacere di stare insieme, quando tutto era più facile.

QUELLO CHE STA IN ARIA
Pezzo minimale sul come saltellare in una realtà densissima di tensioni negative.

ZEMRA IME
Unico pezzo in Albanese, parla di una solitudine senza speranza, di un vuoto incolmabile.

Scroll To Top