Home > Recensioni > Lelio Padovani: Electronic EP

Padovani project

Lelio Padovani, virtuoso talento della chitarra in ogni sua diramazione, dedica la sua vita alla musica rock e alla sei corde fin dalla sua giovane età.

Dopo aver pubblicato album metal e strumentali in cui l’ispirazione arrivava da musicisti come Steve Vai, per questo ultima registrazione attinge dal quel post rock futuristico composto da synth e perenni assoli di chitarre che prendono il posto del testo cantato.

Sei canzoni per un lavoro che non lascia a bocca asciutta, dove si sente l’esperienza di chi nella musica ci vive da una vita intera. In “Ownlife”, traccia numero cinque, compare anche un giro di piano che, suonato da un gruppo internazionale più blasonato, sarebbe sicuramente un successo.

“Electronic EP” è un progetto su commissione: questo rock con l’aggiunta di tastiere è stato richiesto dal regista Francesco Campanini che ha deciso di usare quattro tracce del disco per il suo nuovo film “Il Solitario”, presentato al “Courmayeur Noir In Festival”.

Arrangiatore, musicista, rocker e insegnante. Tutto questo è Lelio Padovani.

Pro

Contro

Scroll To Top