Home > Recensioni > Lemon Lights: Cloverleaf EP
  • Lemon Lights: Cloverleaf EP

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 20-08-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Alessio Corasaniti. Un nome come un altro, direte.

Alessio è un ragazzo di Roma, classe 1991 (la mejo, ma sono di parte), produttore le cui tendenze smaniano in direzione della musica elettronica. Da qualche anno la sua mente si è tuffata nel progetto Lemon Lights, con il quale è passato dal fare mix di altri autori (Moderat, per esempio) all’autoprodursi il primo lavoro ufficiale, “Cloverleaf EP”.

Spaziando dall’IDM alla techno, Alessio ha composto quattro brani scorrevoli, dove i ritmi concitati (“Feeling”, “Discokeif”) si alternano ad atmosfere più eteree grazie agli archi e al pianoforte (“We Must Lose Our Loves”), mentre solo in un pezzo, oltre al sax, compare anche la voce umana (“Marry You”). C’è chiaramente pure un significativo riferimento all’ambient, nonché un taglio quasi cinematografico, tanto che le tracce potrebbero benissimo fare da colonna sonora a un breve documentario.

Ad ascoltare l’EP si direbbe tutto, fuorché che Lemon Lights sia un’idea venuta dal suolo italiano. L’internazionalità delle scelte e delle commistioni, infatti, è lì che si para davanti all’audience, come un solido muro.

 

Pro

Contro

Scroll To Top