Home > Recensioni > Les Enfants: Isole
  • Les Enfants: Isole

    UMA Records / none

    Data di uscita: 05-05-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Sempre più spesso i talent show vengono descritti come dei “tritacarne” in cui i concorrenti, una volta finita la giostra, vengono usati come cavie per il mercato discografico e lasciati al proprio destino in caso di fallimento. La verità è che l’unico modo per affrontare una dimensione complessa come quella televisiva, è quella di presentarsi con un progetto valido. Lo ha dimostrato benissimo Davide Shorty che, con il suo album Straniero, ha sperimentato un campo, quello del soul italiano, fino ad ora poco esplorato. I Les Enfants, con il loro primo lavoro ufficiale Isole, in uscita il 5 Maggio per UMA Records, confermano questa teoria. Dopo il già convincente EP persi nella notte, il gruppo milanese affina ancora di più il suo genere, lasciandosi andare a dei suoni più elettronici e trascinanti, ottenendo un ibrido tra dream pop e cantautorato.

Le facili melodie cantate dalla voce calda, bellissima, di Marco Manini, si incastrano perfettamente nel vortice armonico delle chitarre e dei synth, creando una specie di bolla sonora dal quale non si vorrebbe più uscire. Le 8 tracce che compongono il disco sono un’isola a se, una storia a sé, tra cui spicca la meravigliosa Mostri e l’irresistibile Pezzi. Un difetto? Dura troppo poco. Chapeau.

di Fabrizio Testa

Pro

Contro

Scroll To Top