Home > Recensioni > Liam Gallagher: As You Were
  • Liam Gallagher: As You Were

    Warner Music / warner

    Data di uscita: 06-10-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Il tanto atteso disco di esordio di Liam Gallagher, ex frontman di Oasis e Beady Eye, è finalmente arrivato sugli scaffali e a giudicare dai vertiginosi numeri di vendite in Inghilterra (NME parla di 79mila copie, tra formati fisici, digitali e streaming solo nella prima settimana), l’attesa era davvero tanta. Stiamo parlando di “As You Were“, uscito il 6 ottobre per Warner Music.

Con due dischi di ritardo rispetto alla carriera solista del fratello Noel, Liam confeziona un disco essenziale, molto classico e lineare ma non per questo privo di qualità. I debiti verso John Lennon, sua ispirazione da sempre, sono ovviamente tanti. Basta ascoltare le ballad “Paper Crown”, la struggente “Chinatown” e il singolo radio-friendly “For What It’s Worth” per rendersi conto che la musica del beatle e dei Beatles resterà sempre un punto di riferimento per Liam.

Non mancano comunque episodi più tirati e grintosi come il singolo apripista “Wall Of Glass” (esplosivo in versione live), “You Better Run” e “I Get By” (rock’n’roll di matrice Stones), che emanano forza e rabbia da tutti i pori. Il punto più alto il disco lo raggiunge proprio in coda, quando esplode la meravigliosa “I’ve all I need”, grandissimo pezzo pop dal ritornello che entra dentro e difficilmente andrà via (la parte con l’assolo è magnifica).

Il più piccolo dei fratelli Gallagher, che solo a sprazzi aveva dimostrato una buona vena compositiva con gli Oasis (“Born On A Different Cloud” e “Guess God Thinks I’m Abel” su tutte), è finalmente diventato adulto e ha dato ai fan un buon disco, superiore a quanto prodotto coi Beady Eye e, last but not least, con una voce ritrovata che sta dando grandi soddisfazioni dal vivo.

Pro

Contro

Scroll To Top