Home > Report Live > Live border line per l’ex Suede

Live border line per l’ex Suede

Brett Anderson riempie il Tunnel di Milano: in questa cornice border line di periferia l’ex Suede ha srotolato, con la sua immancabile veste ambigua tra pop e glam, tutta la sua produzione solista.

Il suo ultimo lavoro “Slow Attack”, cantautorato introspettivo e dal sapore malinconico, ne è stata una chiara testimonianza. Delle vecchie glorie non c’è stata traccia: un taglio netto, un cambio di pelle definitivo e senza rimpianti. Purtroppo o meno male, de gustibus. Ma il suo look non tradisce le nostalgie degli anni ’90: pettinatura che ricade sul volto, camicia nera con maniche arrotolate e un’agile silhouette da ragazzino. Unica nota dolente è la durata: solo un’ora e un quarto di musica.

La voce di Brett non tradisce i suoi fans: versatile, profonda, fresca. Domina nettamente sulla band composta da chitarra elettrica, basso, batteria, tastiera e si impone sorprendentemente meglio rispetto al lavoro in studio. Ma non solo: la sua accattivante gestualità si traduce in un fluido e comunicativo linguaggio del corpo e del volto che prende possesso del palco in modo contagioso. Accovacciato durante la languida “Leave Me Sleeping”, si protrae verso il pubblico per un contatto più intimo e per lasciare il front visivo ai suoi musicisti. A metà concerto, strappa la setlist, si atteggia col brandello di carta tra le mani con movimenti da vero direttore d’orchestra.

Si agita come morso da una tarantola ad ogni ritmo incalzante e incita la gente davanti a lui. Trascinante la versione di “Love is dead”, mix di stili il medley “The Empress/Clowns”, onirico il brano “To The Winter” che sfocia a sorpresa in un crescendo epico. Momento clou dell’esibizione, però, sono state “Hymm” e “Summer”, scintillanti come gocce d’acqua; l’energica “The Hunted”; “The Swans”, dalla voce pulita mescolata all’acidità della sua ipnotica chitarra; e “Ashes Of Us”, gocce di dolcezza pura.
A dispetto delle mode, Brett Anderson e i componenti della sua storica band non hanno accennato a possibili reunion. Se non in un’eccezione a scopo di beneficienza: il tempo ci rivelerà se quest’unica data sarà causa di probabili tentazioni.

Scroll To Top