Home > Recensioni > Living Corpse: Metaphysical Collapse
  • Living Corpse: Metaphysical Collapse

    Living Corpse

    Data di uscita: 08-02-2010

    Loudvision:
    Lettori:

Blinded by italian fear

Quante band melodic death-metalcore-thrashcore esistono esattamente? Non ci è dato saperlo, ma certamente non sono poche.

I Living Corpse non sono peggiori degli altri, anzi sono molto validi, e in questo disco, edito dalla Coroner Records, che si avvale della produzione di Ettore Rigotti, riecheggia un suono pulito ma potentissimo, che non ha nulla da invidiare ai dischi più importanti del genere.

At The Gates, In Flames, Lamb Of God, Soilwork, c’è questo e molto altro in un lavoro che si va ad aggiungere agli scaffali di un genere ormai ben consolidato dagli anni 90.

Il problema che abbiamo già focalizzato in precedenza è solo uno, la poca originalità. I fan del metal, e spesso, anche i musicisti, hanno fortissime tendenze conservatrici, si tende a preferire un gruppo onesto che intesse un disco di maniera, piuttosto che chi rischia la sperimentazione e la dissacrazione di qualche genere.

Il talento strumentale non manca, viene da pensare che se osassero di più a livello compositivo potrebbero veramente fare qualcosa di notevole.

Pro

Contro

Scroll To Top