Home > Report Live > Al Locus Festival il bombatronico party di Cosmo fa tremare la Valle d’Itria

Al Locus Festival il bombatronico party di Cosmo fa tremare la Valle d’Itria

La XIVesima edizione del Locus Festival, mirato al portare la grande musica italiana e internazionale sui palchi del borgo pugliese di Locorotondo, ha una programmazione eclettica e variegata: dal rap all’ambient, dal pop al soul, dall’alternative all’elettronica. Sabato 4 Agosto il festival ha ospitato la poliedrica personalità del cantante, musicista, dj e producer Marco Jacopo Bianchi, a.k.a ex frontman dei Drink to me, insomma, per i fan autenticamente Cosmo.

La serata ha inizio con “Bentornato”, la prima traccia del doppio disco “Cosmotronic”, uscito il 12 gennaio d’inizio anno via 42 Records. Esplodono coriandoli e si comincia a ballare. Il pubblico pullula di ragazzi e ragazze che cantano, saltano, esultano, urlano e si dimenano immersi nei giochi di luci stroboscopiche blu, verdi e rosa che si stagliano nel buio stellato. Lui se la ride, va su e giù per il palco, si avvicina ai ragazzi ai rullanti si diverte a suonare pezzi dell’album precedente “L’ultima festa”: “Le voci” coinvolge un assordante coro uniforme.

Cosmo veste benissimo i panni del party maker, (basti guardare le sue giacche improbabili), pretende il feedback del pubblico, invita a mollare i cellulari. Tutti sembrano conoscere i testi di “Turbo”, “Sei la mia città” e “l’Amore” a memoria. Le braccia si alzano al cielo. Il live diventa un atto egoisticamente liberatorio. Ci si lascia andare diventando un tutt’uno con i corpi circostanti, una resa comune, un ondeggiare animalesco che ci trova immersi in “Festival”. Ed è qui che il cantante diventa dj e non si stacca dal synth. Con “Ivrea Bangkok” le luci diventano più prepotenti, il pubblico è preso da un dimenarsi reiterato. Seguono “Attraverso lo specchio”, “La notte farà il resto” e “Tu non sei tu”, le tracce contenute nel secondo disco. Poi la maschera da dj viene giù e ritorna il cantante che fa commuovere tutti con “Quando ho incontrato te”, hit del momento e la dolcissima “Dicembre”. L’ambiente è indescrivibile, il divertimento regna in modo universale, la musica vibra.

Il concerto si conclude (purtroppo) con “L’ultima festa”: tornano i coriandoli e le grida ma la gente non vuole andare via. Non è finita. “Cosmotronic” è anche un mini festival di musica elettronica. A fine concerto il clubbing prende il sopravvento e si ricomincia a ballare con i producer, i dj e gli ospiti di Ivreatronic per tirare fino ad ora tarda. Il coinvolgimento e la notte non conoscono esaurimento.

Qui, dentro a questi live, succede l’impossibile.

Scroll To Top