Home > Recensioni > Loop Therapy: Opera Prima
  • Loop Therapy: Opera Prima

    Irma Records / none

    Data di uscita: 04-03-2014

    Loudvision:
    Lettori:

In questo periodo di grandissima espansione del rap e dell’hip hop, dei grandi numeri e dei grandi soldi che girano attorno ad esso,  sembra non esserci più posto per la ricercatezza formale e musicale. Il rap sta vivendo in questi ultimi anni il suo più grande boom a livello mediatico e la sua più grande crisi a livello ideologico e culturale. Cosa fare in queste situazioni, adeguarsi o reagire? I Loop Therapy hanno deciso di reagire e di creare Opera Prima, un album di grande qualità e finezza, mescolando il jazz e l’hip hop e ritornando a uno stile rap di altri tempi.

In questo progetto musicale vediamo la collaborazione di svariati musicisti oltre ai 4 “fissi” (Cesare Pizzetti, Fabio Visocchi, Matteo Mammoliti e Domenico Mamone) , in particolare Raffaele Kohler e Francesca Barone, Turi, Colle der fomento, Bassi Maetro, e infine Ice One per il remix di “Per Non Dire Basta”. Tante personalità e tendenze diverse che danno un valore enorme per il raggiungimento del groove coinvolgente e particolare di Opera Prima. Un gran lavoro di incastri, limature, rifiniture, tanto da non stupirsi della gestazione triennale di  questa o album.

Ogni singolo strumento riesce a trovare la sua collocazione all’interno della canzone, in maniera mai esagerata ma allo stesso tempo neanche scontata, dal contrabbasso, al synth, dalle percussioni allo scratch, tutti messi su un filo in equilibrio, senza tentennamenti neanche per un solo attimo. Nei pezzi strumentali il fraseggio jazz sembra proprio dialogare col fraseggio hip hop, elemento che con ancora più evidenza notiamo nelle tre canzoni con la voce: “Per Non Dire Basta” di Turi, “Musica e Fumo” di Colle der Fomento e in modo estremo in “Sweet Baby” di Bassi Maestro, in cui viene creato un vero e proprio colloquio tra i versi del rapper e gli strumenti. I testi hanno un fil rouge, l’amore per la musica, ma ognuno rispecchia poi l’individualità dell’Mc che lo ha scritto; e proprio questo è il senso del disco e dei Loop Therapy, una band di grande valore che non vuole fare altro se non amare la musica in ogni sua forma e in ogni suo aspetto.

Pro

Contro

Scroll To Top