Home > Recensioni > Lost In The Trees: All Alone In An Empty House
  • Lost In The Trees: All Alone In An Empty House

    Lost In The Trees

    Loudvision:
    Lettori:

Naufragio con spettatore

Se un naufragio, visto da lontano, avesse una colonna sonora, i compositori sarebbero Ari Picker e “Lost in the Trees”. Il naufragio durerebbe 35 minuti e 55 secondi e momenti di quiete si alternerebbero a sublimi tempeste.

“All Alone In An Empty House” è un mare in tempesta; bello da guardare proprio perché inquietante.

“Love On My Side” e “Song For The Painter” sono confessioni intime dello stesso cantautore. In “Walk Around The Lake” il livello di drammaticità e nostalgia è fortissimo; in “Mvt. I Sketch” e “Mvt. II Sketch” l’orchestra esprime tutta la sua potenza e calma in contrasti ossimorici.
Chiude questo delicato e intenso progetto “For Leah & Chloe”, la musica sembra aver condotto verso una purificazione individuale.

Il mare si è calmato.

È un lavoro curato nei dettagli, risultato di menti pensanti, mani e orecchie abili ed esperte, storie tristi e tormenti interiori.
Risultato, inoltre, di un progetto più ampio, che si propone di creare un nuovo genere, definito orchestral folk pop. Lo scopo? Far convivere armoniosamente musica classica e musica contemporanea per avvicinare tutti alla Classica.

Ne sentiremo delle belle.

Pro

Contro

Scroll To Top