Home > Recensioni > Loud Nine : Revelations
  • Loud Nine : Revelations

    Loud Nine

    Data di uscita: 23-02-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Rivelazioni e autoproduzioni

A Cantù c’è una famosa e forte squadra di Basket del campionato italiano. Oltre questo pare che dal 2005 ci siano anche i Loud Nine, band che sul buon vecchio myspace aveva nella sezione amici gente quali Mastodon (amici un po’ di tutti, diciamolo), gli italiani Ojm, gli Zippo e pure gli “immortali” Extrema.
A questo punto la questione è la seguente. Il loro nuovo cd, “Revelations”, vuole a quanto pare rivelarci qualcosa ed un consiglio potrebbe venire spontaneo: non sarà giunta l’ora una volta per tutte di guardare chi ci sta intorno, come i vecchi vicini amici di myspace e vedere in loro le nostre ispirazioni affinché smettiamo di credere che in Italia ci sia il deserto coi cactus ma dei bei boschi innevati? Questo bisogna fare capire ai sordi.

Il disco apre anche qua con uno classico, stile amici del deserto: “Locomotive”. “Carson” è la prima traccia con la quale capiamo il viaggio che si vuole intraprendere, qualcosa tipo i famosi Tool ma fortunatamente non da 30 minuti a pezzo. Si continua il viaggio con una voce che ricorda i Therapy?, gruppo irlandese di qualche anno fa ed un Greg Dulli prima che fosse ciccione e cantava in dischi come “Gentleman”. E poi, d’improvviso, la traccia “Revelation”: in effetti questa è la rivelazione forse, dove si sente qualcosa di più di chi sono i Loud Nine.
Anche i vecchi amici dovranno guardare a loro. Sempre che non stiano guardando i cactus.

Pro

Contro

Scroll To Top