Home > Recensioni > Love Amongst Ruin: Love Amongst Ruin

Correlati

A modo mio

Già storico batterista e autore dei Placebo, Steve Hewitt, posa (momentaneamente?) le bacchette per imbracciare la chitarra e dedicarsi al nuovo progetto solista che lo vede frontman: i Love Amongst Ruin.

L’album omonimo di debutto, prodotto da Paul Corkett, ci mostra il sound tipico dell’hard rock alternativo, ma riesce a mettere in luce anche interessanti sfaccettature e stimolanti variazioni sul tema.

L’impronta dei Placebo è evidente, ma le sonorità sono decisamente più granitiche, a partire dal primo singolo “So Sad (Fade)”, che unisce atmosfere trasognanti a un rock più hard.
Per chi non vuole perderseli, ricordiamo che i Love Amongst Ruin saranno in Italia il prossimo 5 ottobre ai Magazzini Generali di Milano.

Finalmente libero da qualsivoglia pressione artistica imposta, Steve Hewitt si sbizzarrisce in questo suo album di debutto, consegnandoci un lavoro di tutto rispetto. Sia chiaro che non stiamo parlando di un one-man-band, a supportarlo – e anche bene – troviamo Donald Ross Skinner (chitarra), Steve Hove (chitarra), Laurie Ross (tastiere), Magnus Lùnden (basso) e Keith York (batteria). Chi ben comincia…vedremo come prosegue.

Pro

Contro

Scroll To Top