Home > Recensioni > The Love Thieves: Soft
  • The Love Thieves: Soft

    Materiali Sonori / Black Widow

    Data di uscita: 21-11-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

“Soft” è il primo LP firmato dai The Love Thieves, band toscana composta da Chiara Lucarelli (voce e synth) e Francesco Sorgente (chitarra), supportati per l’occasione e in previsione dei loro live da Simone Sonatori (basso) e Glauco Ricoveri (batteria). L’album è disponibile su cd e su tutte le piattaforme digitali a partire da lunedì 21 novembre: 9 tracce registrate in lingua inglese nelle quali emergono sonorità ed influenze propriamente elettroniche, che sfiorano a tratti anche il rock e lo shoegaze. Nonostante sia di fatto estremamente legato alla più genuina tradizione new wave anni 80, il disco presenta un’anima squisitamente pop, accompagnando l’ascoltatore attraverso le classiche riflessioni che riguardano temi del giorno d’oggi (come l’amore, l’amicizia e il lavoro), usufruendo però di una chiave di lettura più moderna e positiva.

Ogni brano presenta a livello sonoro la medesima struttura, dove chitarra e synth la fanno da padroni (rispetto a una sezione ritmica comunque convincente e trascinante), e la voce libera da qualunque tipologia di effetto (riverbero, delay, chorus ecc.) di Chiara restituisce un’esperienza quasi unica per i fanatici del genere new wave, abituati magari a cantanti più avvezzi all’esagitato utilizzo delle manopole. “Secret Love”, “The Island”, “Meatball”, fino a “Follow Your Dreams” ci guidano in un vero e proprio tunnel di suoni vagamente cupi, ma che finiscono col brillare grazie alla purezza chiara e cristallina dei testi. Solo alla fine i ritmi serrati si assestano e accompagnano dolcemente all’uscita l’ascoltatore grazie ai 2 min. e 31 sec. di “Letter To You”.

Le carte messe in tavola sono sostanzialmente buone per “Soft”, un album di debutto comunque gradevole ma che sicuramente spiana la strada ad aspettative maggiori in vista di lavori futuri (si spera) più “presuntuosi”.

Pro

Contro

Scroll To Top