Home > Recensioni > Low Standards High Fives: Revolushhhh
  • Low Standards High Fives: Revolushhhh

    Flying Kids Records / none

    Data di uscita: 15-02-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

“Revolushhhh” è il titolo del primo EP di una band torinese giovanissima i cui quattro membri derivano da progetti precedenti quali Dog Tale, See Emily Draw, Angry September e Thanx The Killer. Insieme, hanno formato i Low Standards High Fives e con Revolushhhh si sono addentrati nel mondo dell’emo-core, rifacendosi a gruppi come i Texas Is The Reason, Mineral e i Braid. La strada dei LSHF si sta costruendo, ma la direzione sembra quella giusta, considerato che hanno già avuto la possibilità di aprire concerti di artisti di valore, ad esempio i Fine Before You Came.

Il melodico emo-core delle quattro tracce di “Revolushhhh” è predominante e non viene contaminato da nessun altro genere, motivo per cui l’ascolto non può che essere di nicchia. “Where We Are” è la canzone più orecchiabile dell’EP mentre le altre viaggiano più o meno su binari melodici simili, risultando davvero poco dinamiche. Il cantante ha un buon timbro ma in alcuni momenti manca di potenza e di pronuncia inglese. Questo EP è l’anticipazione del vero e proprio album: chissà se riusciranno a trovare la loro cifra distintiva.

Pro

Contro

Scroll To Top